¡Hola invitado! Accede o regístrate

Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor Leon24 » 09 Abr 2017, 20:02

Marchionne dejará de ser CEO de FCA en 2019

El presidente ejecutivo de la automotriz italo-estadounidense Fiat-Chrysler (FCA), Sergio Marchionne, abandonará la compañía en 2019, confirmó hoy en Turín el presidente de Exor, Jogn Elkann.

Exor es el holding que controla Fiat, Ferrari y otras empresas que pertenecen a la familia Agnelli. El propio Marchionne ya había anunciado hace algunos años su plan de dejar su cargo en la empresa.

Sin embargo, el directivo italo-canadiense decidió continuar como presidente ejectivo durante 2018 para impulsar el plan de empresa de Fiat.

Marchionne, quien se convirtió en presidente de FCA en 2005, llevó a cabo con éxito la fusión de Fiat con Chrysler.
Avatar de Usuario
Leon24
 
Mensajes: 1187
Registrado: 14 May 2009, 20:34
Ubicación: Valencia
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor Leon24 » 09 Abr 2017, 20:03

También se confirma que las ventas del Giulia están muy por debajo de lo esperado, si el stelvio ya no funciona...
Avatar de Usuario
Leon24
 
Mensajes: 1187
Registrado: 14 May 2009, 20:34
Ubicación: Valencia
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor RadiK-Alfa » 09 Abr 2017, 21:23

Leon24 escribió:También se confirma que las ventas del Giulia están muy por debajo de lo esperado, si el stelvio ya no funciona...


Es un modelo que está empezando, en una marca que ha perdido mucha imagen estos años, con una gama que se va ampliando, sin versiones de carrocería.

Y a pesar de todo bate en Europa al XE.

En UK aún no se vende. En USA no hay stocks en los concesionarios. En Asia no ha llegado.

Hay que darle tiempo a que llegue a todo el mundo.

MEANWHILE IN ITALIA:

FCA, a Cassino nei prossimi mesi 500 nuove assunzioni

Prima tranche del piano di 1.800 lavoratori da assumere entro fine 2018

Assunzioni FCA Cassino 2017 - La conferma delle imminenti 500 nuove assunzioni di FCA nello stabilimento di Cassino arriva da Roberto Di Maulo, segretario nazionale della Fismic. Entro fine 2018, nell'impianto dove si producono Alfa Romeo Giulia e Stelvio, verranno assunti complessivamente 1.800 nuovi lavoratori.

La produzione a gonfie vele di Alfa Romeo Giulia e Stelvio, in attesa dell’arrivo di un futuro terzo modello del Biscione nel 2018, sta incrementando il lavoro a Cassino ed FCA è pronta ad assumere 500 nuovi lavoratori nei prossimi mesi, come parzialmente confermato qualche ora fa dal segretario nazionale della Fismic Roberto Di Maulo.

Le 500 assunzioni sarebbero la prima tranche che avvierebbe concretamente l’importante investimento in personale e forza lavoro previsto dal piano di nuove assunzioni di FCA che, come confermato negli scorsi mesi da Alfredo Altavilla, Responsabile FCA Area EMEA, prevede complessivamente l’ingresso nello stabilimento di Cassino di 1.800 nuovi lavoratori da inserire entro fine 2018.
RadiK-Alfa
 
Mensajes: 2323
Registrado: 13 Ago 2011, 09:31
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor RadiK-Alfa » 09 Abr 2017, 21:51

Tercer modelo poara 2018: Las especulaciones hablan de...

SUV-E?
SUV-C?
Giulia coupe?

Imagen
RadiK-Alfa
 
Mensajes: 2323
Registrado: 13 Ago 2011, 09:31
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor Leon24 » 10 Abr 2017, 00:06

RadiK-Alfa escribió:
Leon24 escribió:También se confirma que las ventas del Giulia están muy por debajo de lo esperado, si el stelvio ya no funciona...


Es un modelo que está empezando, en una marca que ha perdido mucha imagen estos años, con una gama que se va ampliando, sin versiones de carrocería.

Y a pesar de todo bate en Europa al XE.

En UK aún no se vende. En USA no hay stocks en los concesionarios. En Asia no ha llegado.

Hay que darle tiempo a que llegue a todo el mundo.

MEANWHILE IN ITALIA:

FCA, a Cassino nei prossimi mesi 500 nuove assunzioni

Prima tranche del piano di 1.800 lavoratori da assumere entro fine 2018

Assunzioni FCA Cassino 2017 - La conferma delle imminenti 500 nuove assunzioni di FCA nello stabilimento di Cassino arriva da Roberto Di Maulo, segretario nazionale della Fismic. Entro fine 2018, nell'impianto dove si producono Alfa Romeo Giulia e Stelvio, verranno assunti complessivamente 1.800 nuovi lavoratori.

La produzione a gonfie vele di Alfa Romeo Giulia e Stelvio, in attesa dell’arrivo di un futuro terzo modello del Biscione nel 2018, sta incrementando il lavoro a Cassino ed FCA è pronta ad assumere 500 nuovi lavoratori nei prossimi mesi, come parzialmente confermato qualche ora fa dal segretario nazionale della Fismic Roberto Di Maulo.

Le 500 assunzioni sarebbero la prima tranche che avvierebbe concretamente l’importante investimento in personale e forza lavoro previsto dal piano di nuove assunzioni di FCA che, come confermato negli scorsi mesi da Alfredo Altavilla, Responsabile FCA Area EMEA, prevede complessivamente l’ingresso nello stabilimento di Cassino di 1.800 nuovi lavoratori da inserire entro fine 2018.


Aún no ha batido en ventas al XE y tampoco lleva camino de superarlo.

Y respecto a los mercados, tampoco deberían de tardar mucho, precisamente tiempo es lo que no tienen y juega en su contra de hecho. El 4C tampoco ha sido un éxito, no buscaba serlo pero la critica se lo ha cargado, con un precio tan alto, un interior tan lamentable y sin ni siquiera dirección asistida. Ni emociones ni tonterías, es un trabajo típico de los italianos a medio hacer.

Y es evidente que en Italia arrase, como los Seat en España o los Volvo en Suecia, ese comentario no tiene mucho sentido pero bueno.
Avatar de Usuario
Leon24
 
Mensajes: 1187
Registrado: 14 May 2009, 20:34
Ubicación: Valencia
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor Fuego » 18 Jun 2017, 08:05

Lo que es la canibalización...

Imagen
Avatar de Usuario
Fuego
 
Mensajes: 3348
Registrado: 01 Sep 2005, 16:37
Ubicación: Santiago
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor stokes » 30 Jul 2017, 00:19

Canibalización... y que el Renegade ya va necesitando un restyling (y un ajuste de precios).
Avatar de Usuario
stokes
 
Mensajes: 952
Registrado: 02 Jul 2004, 10:46
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor gusanllum » 31 Jul 2017, 20:32

Se canibalizan un poco pero ambos venden y abarcan más mercado. El Compass se ve claramente que va en ascenso, es un producto bastante interesante y puede gustar a un público más amplio.
Avatar de Usuario
gusanllum
 
Mensajes: 2180
Registrado: 03 Jul 2004, 20:00
Ubicación: Barcelona
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor gusanllum » 16 Ago 2017, 12:25

FCA parece que ha rechazado una oferta China.

15 AGO 2017 - 22:22 CEST
Sergio Marchionne, consejero delegado de Fiat Chrysler (FCA), ha dicho que el sector necesita unirse, reducir costes y dejar de quemar efectivo. Hasta ahora había caído en saco roto entre sus competidores, pero parece que ha encontrado por fin una audiencia receptiva... en China.

FCA se disparó el lunes en Bolsa después de que Automotive News informara de que había rechazado la oferta de un fabricante chino no identificado. Aunque parezca una combinación extraña a primera vista, podría cuadrar a nivel industrial, y tal vez incluso financiero.
Una fusión chinoestadounidense crearía el primer grupo del sector verdaderamente global. Además, China es el principal mercado de utilitarios deportivos de la marca Jeep, por lo que podría beneficiar financieramente a FCA. En cuanto a las empresas chinas, han mejorado en la fabricación, pero les cuesta crear marcas globales, y necesitan desarrollar mercados de exportación.

Aunque Pekín está controlando las frívolas excursiones compradoras en el extranjero de las empresas chinas, las que contribuyen a la modernización de las industrias estratégicas siguen recibiendo apoyo, y el Gobierno considera que la del automóvil lo es.

El problema, aparte del precio (FCA considera insuficiente la oferta, según Automotive News), es la cuestión política. Aun cuando las acciones de FCA se dispararon, el presidente Donald Trump interrumpió sus vacaciones para ordenar al Representante de Comercio que estudiara si debía investigar las políticas comerciales de China en materia de propiedad intelectual.

Ver marcas de Detroit como Jeep o Chrysler en manos chinas provocaría rugidos entre los partidarios económiconacionalistas de Trump. Pero, como señala Morgan Stanley, “los automóviles no se transportan fácilmente a través del océano”, y por razones políticas se exige cada vez más que los productos valiosos se fabriquen localmente. Unirse a General Motors, como propuso una vez Marchionne, habría provocado recortes masivos de empleos y cierres de plantas. Oponerse a una oferta china por FCA en Twitter es fácil. Mantener los empleos de los estadounidenses requiere algo más de rigor.

https://cincodias.elpais.com/cincodias/2017/08/15/companias/1502806349_330143.html
Avatar de Usuario
gusanllum
 
Mensajes: 2180
Registrado: 03 Jul 2004, 20:00
Ubicación: Barcelona
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor RadiK-Alfa » 16 Ago 2017, 15:20

FCA se disparo el lunes un +8,25 %

China tiene decenas de miles de millones de dólares para comprar empresas extranjeras.

La UE dijo ayer que estudiaría acciones para evitar que sectores estratégicos acabaran en manos chinas, debido al plan de compras de empresas.

Y según se filtró, Alfa y Maserati estarían fuera de la oferta, ya que Marchionne quiere hacer un spin-off al estilo Ferrari.
RadiK-Alfa
 
Mensajes: 2323
Registrado: 13 Ago 2011, 09:31
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor RadiK-Alfa » 16 Ago 2017, 15:32

Fiat Chrysler Automobiles si unirà al gruppo BMW, Intel e Mobileye nello sviluppo di una piattaforma tecnologica per la guida autonoma

Il Gruppo BMW, Intel Corporation, Mobileye (una società Intel) e Fiat Chrysler Automobiles (FCA) hanno sottoscritto un Memorandum of Understanding che prevede che FCA si unisca a tali società nello sviluppo di una piattaforma leader mondiale, all’avanguardia nella tecnologia della guida autonoma.

La collaborazione consentirà alle società partecipanti di fare leva sui rispettivi punti di forza, capacità e risorse individuali

La piattaforma sarà utilizzabile per la guida automatizzata dal livello 3 fino al livello 4/5 e potrà essere impiegata da diversi costruttori automobilistici nel mondo, pur mantenendo inalterata l’identità specifica dei rispettivi marchi



Il gruppo BMW, Intel e Mobileye hanno annunciato oggi di aver sottoscritto un Memorandum of Understanding che prevede che Fiat Chrysler Automobiles (FCA) sia il primo costruttore automobilistico ad unirsi a loro nello sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia, leader nel mondo e destinata ad un’implementazione globale.

I partner dello sviluppo intendono far leva sui reciproci punti di forza, capacità e risorse per migliorare la tecnologia della piattaforma, aumentare l'efficienza dello sviluppo e ridurre il tempo di immissione sul mercato. Uno dei fattori che consentirà di raggiungere tali obiettivi sarà la co- location di ingegneri in Germania ed in altri luoghi. FCA contribuirà alla collaborazione con risorse di ingegneria e altre risorse tecniche ed esperienza, nonché con i suoi significativi volumi di vendita, la sua portata geografica e la sua lunga esperienza sul mercato Nord Americano.

“Per migliorare la tecnologia di guida autonoma è fondamentale dar vita a partnership tra produttori di autoveicoli e fornitori di tecnologia e componenti", ha dichiarato Sergio Marchionne, Chief Executive Officer di FCA. "L'adesione a questa collaborazione consentirà a FCA di beneficiare direttamente delle sinergie e delle economie di scala che sono possibili quando le aziende si alleano con una visione e un obiettivo comuni".

Nel luglio 2016 BMW, Intel e Mobileye hanno annunciato che stavano unendo le forze per rendere i veicoli a guida autonoma una realtà, collaborando per portare in produzione entro il 2021 soluzioni per la guida altamente automatizzata (Livello 3) e la guida completamente automatizzata (Livelli 4/5). Da allora esse si sono impegnate nello sviluppo di un'architettura modulare che può essere utilizzata da molteplici costruttori automobilistici in tutto il mondo, allo stesso tempo preservando l’unicità dei marchi di ciascun costruttore automobilistico.

La collaborazione rimane in linea con il piano di mettere su strada 40 veicoli autonomi sperimentali entro la fine del 2017. Ci si attende inoltre di beneficiare di dati e conoscenze ricavati dalla recentemente annunciata flotta di 100 veicoli di prova di livello 4 di Mobileye (una società Intel) dimostrando gli effetti di scala di questo approccio collaborativo.



"I due fattori che rimangono fondamentali per il successo della collaborazione sono l'eccellenza senza compromessi nello sviluppo e la scalabilità della nostra piattaforma di guida autonoma", ha dichiarato Harald Krüger, presidente del Consiglio di Gestione di BMW AG. "Con FCA come nostro nuovo partner, rafforziamo il nostro percorso per creare con successo la più rilevante soluzione avanzata, trasversale ai costruttori automobilistici, per i livelli da 3 a 5 sul piano globale ".

"Il futuro del trasporto dipende dal fatto che i leader dell'industria automobilistica e tecnologica lavorino insieme per sviluppare un'architettura scalabile che le case automobilistiche in tutto il mondo possano adottare e personalizzare", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. "Siamo entusiasti di dare il benvenuto al contributo di FCA, che ci consente un ulteriore passo avanti verso la realizzazione dei veicoli autonomi più sicuri al mondo".

“Diamo il benvenuto al contributo ed impiego da parte di FCA alla piattaforma della collaborazione, che ha fatto grandi progressi nel corso dello scorso anno e si sta velocemente avvicinando alla fase di validazione ed implementazione” ha dichiarato il Professore Amnon Shashua, Presidente e Chief Technology Officer di Mobileye. “L’integrazione tra percezione video avanzata e mapping, tecnologie specifiche di fusione sensoriale e l’intelligenza artificiale per la guida automatica offre i più alti livelli di sicurezza e versatilità, in una soluzione economicamente efficiente che sarà applicabile in ogni area geografica e condizione stradale”.

Il gruppo BMW, Intel, Mobileye e FCA, insieme ai recentemente annunciati partner di sviluppo e integratori di sistemi, invitano e danno il benvenuto ad ulteriori costruttori automobilistici e fornitori di tecnologia affinché si uniscano a loro nell’adottare questa piattaforma di guida autonoma nello sforzo di creare una soluzione valida per l’intero settore.
RadiK-Alfa
 
Mensajes: 2323
Registrado: 13 Ago 2011, 09:31
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor pilotAran » 13 Sep 2017, 13:18

Luca Parasacco, consejero delegado de FCA España: "Los Pive han malacostumbrado al mercado"

http://www.elmundo.es/motor/2017/09/11/ ... b45f2.html
Avatar de Usuario
pilotAran
 
Mensajes: 2006
Registrado: 29 Jun 2004, 14:26
Ubicación: España
Arriba

Re: Noticias FCA (Fiat-Chrysler)

Notapor RadiK-Alfa » 13 Sep 2017, 13:33

La Dino "è argomento di discussione"


“Sì, la Dino è ancora un argomento di discussione ed è un argomento non banale: noi non accantoniamo mai niente”. Così Nicola Boari, product marketing chief della Ferrari, ha risposto a una domanda di Quattroruote su una possibile sportiva
Dino sì, ma senza perdere l’esclusività. Niente è ancora deciso, naturalmente, ma se mai dovesse prendere corpo l’espansione di gamma su cui il Cavallino sta lavorando per incrementare vendite e margini, questa potrebbe non contemplare soltanto l’ormai famoso “utility vehicle” ventilato da Sergio Marchionne. “Su un progetto del genere, però, dobbiamo tenere in massima considerazione i temi di esclusività e posizionamento: una Dino sotto i 150 mila euro non sarebbe un progetto da Ferrari, né rappresenterebbe la strada attraverso cui vogliamo crescere”.


Un primo, possibile, identikit. Il ragionamento di Boari, naturalmente condiviso con il resto della dirigenza (oggi, all’incontro con la stampa italiana hanno preso parte anche Flavio Manzoni, responsabile del design, Michael Leiters, direttore tecnico, ed Enrico Galliera, direttore commerciale e marketing), verte invece su una vettura con altre priorità: “Il concetto di una Dino sportiva, compatta, leggera, divertente, su cui anche un guidatore meno esperto possa salire e sentirsi a suo agio, invece può trovare un suo spazio. Anche perché quel guidatore può crescere in prospettiva, e passare a un modello della gamma granturismo o supersportiva”.

Crossover: “Niente a che fare con Levante e Cayenne”. Dino a parte, ormai non è più un segreto che anche la Ferrari stia iniziando a buttare giù le prime idee per un modello diverso dalle GT e dalle sportive a motore centrale: l'utility vehicle di cui sopra non è solo un sogno, e anche la descrizione dei suoi connotati già appare molto precisa. “Stiamo lavorando per sviluppare un nuovo concetto di vettura non ancora presente sul mercato, ma la nostra non sarà una Suv simile alla Porsche Cayenne o alla Maserati Levante, perché la sportività non è la loro priorità”, ha dichiarato Enrico Galliera. Concludendo: “Pensiamo a una Ferrari più versatile, ma ad oggi non c’è niente di pronto né di approvato”.

Leiters. “Elettrico no, ibrido sì” (e anche presto). Le idee, del resto, sono chiare anche su altri fronti. Come quello dell’elettrificazione. “Su una Ferrari elettrica, oggi il no è netto”, ha dichiarato Leiters. “Con i vincoli di quest’alimentazione non vedo la possibilità di fare una sportiva vera a zero emissioni. Ci vorranno tempo e innovazione per ottenere non solo le stesse performance dei motori tradizionali, ma anche lo stesso piacere di guida. E alla luce di tutto questo crediamo che per noi la carta vincente sia quella dell’ibridizzazione”. Approccio identico sull’automazione della guida: “Sì ai sistemi di assistenza al servizio delle prestazioni, ma non abbiamo alcun progetto di raggiungere anche solo il livello 3”, ha dichiarato Boari.

Una Ferrari su quattro sarà Portofino. Last but not least, si è parlato anche della Portofino, che dopotutto è la protagonista italiana assoluta di quest’edizione di Francoforte disertata dall’industria tricolore. “La vettura, che in Italia sarà in consegna da febbraio-marzo, con listini da 196 mila euro, ha avuto un riscontro positivo tra i concessionari, che hanno già un portafoglio ordini importante”, ha spiegato Galliera. “La California rappresentava il 20-25% dell’immatricolato totale Ferrari, e la Portofino rimarrà da quelle parti”.

Un salto prestazionale dalla California. Sviluppata a partire dalla precedente generazione della V8 a motore anteriore, la nuova granturismo ne rappresenta un’evoluzione radicale: “C’è solo lo scudetto in comune”, scherza Leiters. “Qui siamo partiti da una base completamente nuova, che ci ha permesso di risparmiare 80 kg e di ottenere prestazioni migliori. Ce le chiedevano quei clienti che hanno già un’altra Ferrari più performante, ma che ne volevano una per ogni occasione. Senza però fare rinunce in termini di performance”.
RadiK-Alfa
 
Mensajes: 2323
Registrado: 13 Ago 2011, 09:31
Arriba

Anterior

Volver a Noticias

¿Quién está conectado?

Usuarios navegando por este Foro: No hay usuarios registrados visitando el Foro y 1 invitado